Crowdfunding Reward-Based

Il Crowdfunding Reward Based consiste nella donazione in cambio di un premio o un prodotto una sorta di sistema e-commerce con sistema di pre-ordine.La piattaforma pi conosciuta relativa a questo sistema di Crowdfunding Kick Starter www.kickstarter.com Il caso Oculus RiftOculus Rift un dispositivo per la realt virtuale in 3D che nel 2012 su Kickstarter ha raccolto 2,4 milioni in trenta giorni da 9.588 sostenitori, a dispetto di un target originario di 250,000. Ebbene il caso nasce dal fatto che la societ stata venduta a Facebook per lrsquoastronomica cifra di due miliardi di dollari. Mentre soci fondatori e venture capitalist portano a casa un profitto clamoroso, i 9.588 sostenitori che hanno versato somme per trasformare i progetto imprenditoriale in realt non vedranno nemmeno un centesimo e si dovranno accontentare del solo dispositivo, disponibile in un futuro imprecisato.Questa la natura del crowdfunding reward based i sostenitori ricevono soltanto una ricompensa il cui valore non supera quello della somma donata o pre-acquistano un prodotto consentendo allrsquoimpresa di andare in produzione solo a break even garantito. Si tratta di un tipo di crowdfunding molto adatto per i progetti early stage, nei quali lrsquoimprenditore deve dimostrare il gradimento del pubblico ed il successo del prodotto, prima di avventurarsi in pi complesse operazioni sul capitale di rischio.Quando il progetto si trova in una fase pi avanzata, il contributo del sostenitore un vero e proprio investimento tanto che ormai si parla diffusamente di crowd-investing, meritevole di adeguati ritorni finanziari lrsquoevoluzione del modello reward-based, infatti, lrsquoequity crowdfunding, nel quale i sostenitori acquistano una quota del business del proponente se i sostenitori di Oculus Rift avessero sottoscritto quote della societ, avrebbero avuto una cospicua fetta del grosso profitto realizzato con la cessione a Facebook.Questo il futuro non a caso nel suo recente rapporto sul crowdfunding la Banca Mondiale stima che il crowd-investing nel 2025 superer i 92 miliardi di dollari, impegnando lrsquo1,6 del risparmio delle famiglie.I moltissimi sostenitori di Oculus Rift che stanno invadendo i blog con commenti negativi sapevano bene che non avrebbero guadagnato nulla sostenendo un progetto reward-based, tuttavia, facendone una questione etica, lamentano che ora ci si approfitti della loro generosit qualcuno ha consentito che il crowd finanziasse lrsquoinnovazione, ma senza permettere al crowd di avere dei ritorni. Le critiche sono particolarmente accese negli USA dove la normativa che consente al vero crowd cio gli investitori non professionali di investire online non ancora stata attuata e dove solo ai c.d. investitori accreditati fondi, investitori istituzionali e ricchi signori consentito lrsquoaccesso allrsquoequity crowdfunding.In Italia, primo Paese al mondo, la normativa sullrsquoequity crowdfunding pienamente attuata anche se limitatamente alle start-up innovative, tre piattaforme hanno avviato le operazioni ed il primo deal stato finanziato. Altre piattaforme si stanno organizzando ed altri progetti sono in rampa di lancio. verissimo che gli investimenti in equity sono rischiosi e che molte aziende falliscono, ma altrettanto vero che il crowd spende molti soldi in progetti reward-based o donazioni o in acquisti di oggetti superflui, senza avere alcun ritorno. altrettanto vero che ogni anno gli Italiani spendono 6,8 miliardi di euro nel gioco del lotto e 10,2 miliardi di euro nel ldquogratta e vincirdquo. Dare al crowd la possibilit di finanziare lrsquoinnovazione e di ottenerne, se del caso, un profitto rappresenta una grande democratizzazione e possiamo solo essere fieri che si tratti di una iniziativa di cui lrsquoItalia stata un precursore mondiale. Dopo il caso Oculus Rift, il finanziamento allrsquoinnovazione si sposter sempre pi dal reward allrsquoequity crowdfunding i sostenitori di un progetto cercheranno di potersi avvantaggiare del suo successo e lrsquoinnovazione sar finanziata con maggior consapevolezza ed in modo etico. Per poter dare veramente una lezione di democrazia finanziaria al mondo sarebbe opportuno che lrsquoItalia incrementasse la protezione dellrsquoinvestitore non professionale, consentendogli di finanziare non solo le start-up innovative, cio le imprese pi rischiose, ma anche le pi comprensibili piccole e medie imprese ordinarie che stentano a reperire risorse finanziarie e che sono il vero motore della nostra economia. Un autorevole studio Crowdfund Capital Advisors, How Does Crowdfunding Impact Job Creation, USA, 2014 mdash www.crowdfundingpr.files.wordpress.com201401how-does-crowdfunding-impact-job-creation-and-company-revenue.pdf ha dimostrato che un equity crowdfunding di successo aumenta le vendite del 351 e che in media lrsquo87 delle aziende crea 2,2 posti di lavoro per azienda nei primi tre mesi.Agenzia di Comunicazione Integrata, Communication & Advertising Agency Pubblicit , Advertising, Webdesign , Grafica, Comunicazione , Sviluppo App,Fotografi, Progettazione, Servizi Pubblicitari per Aziende di ogni sorta, Advertising Services for every kind of Industry and Enterprises

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
home adr
 
portfolio
 
dizionario
 
adv blog
 
 
 
 
 
Crowdfunding Reward-Based
Crowdfunding Reward-Based
1024-1024|||
Crowdfunding Reward-Based

Il Crowdfunding Reward Based consiste nella donazione in cambio di un premio o un prodotto (una sorta di sistema e-commerce con sistema di pre-ordine).

La piattaforma più conosciuta relativa a questo sistema di Crowdfunding è Kick Starter (www.kickstarter.com)

·       Il caso Oculus Rift

oculus rift

Oculus Rift è un dispositivo per la realtà virtuale in 3D che nel 2012 su Kickstarter ha raccolto $2,4 milioni in trenta giorni da 9.588 sostenitori, a dispetto di un target originario di $250,000. Ebbene il caso nasce dal fatto che la società è stata venduta a Facebook per l’astronomica cifra di due miliardi di dollari. Mentre soci fondatori e venture capitalist portano a casa un profitto clamoroso, i 9.588 sostenitori che hanno versato somme per trasformare i progetto imprenditoriale in realtà non vedranno nemmeno un centesimo e si dovranno accontentare del solo dispositivo, disponibile in un futuro imprecisato.
Questa è la natura del crowdfunding reward based: i sostenitori ricevono soltanto una ricompensa il cui valore non supera quello della somma donata o pre-acquistano un prodotto consentendo all’impresa di andare in produzione solo a break even garantito. Si tratta di un tipo di crowdfunding molto adatto per i progetti early stage, nei quali l’imprenditore deve dimostrare il gradimento del pubblico ed il successo del prodotto, prima di avventurarsi in più complesse operazioni sul capitale di rischio.
Quando il progetto si trova in una fase più avanzata, il contributo del sostenitore è un vero e proprio investimento (tanto che ormai si parla diffusamente di crowd-investing), meritevole di adeguati ritorni finanziari: l’evoluzione del modello reward-based, infatti, è l’equity crowdfunding, nel quale i sostenitori acquistano una quota del business del proponente; se i sostenitori di Oculus Rift avessero sottoscritto quote della società, avrebbero avuto una cospicua fetta del grosso profitto realizzato con la cessione a Facebook.
Questo è il futuro; non a caso nel suo recente rapporto sul crowdfunding la Banca Mondiale stima che il crowd-investing nel 2025 supererà i 92 miliardi di dollari, impegnando l’1,6% del risparmio delle famiglie.
I moltissimi sostenitori di Oculus Rift che stanno invadendo i blog con commenti negativi sapevano bene che non avrebbero guadagnato nulla sostenendo un progetto reward-based, tuttavia, facendone una questione etica, lamentano che ora ci si approfitti della loro generosità: qualcuno ha consentito che il crowd finanziasse l’innovazione, ma senza permettere al crowd di avere dei ritorni. Le critiche sono particolarmente accese negli USA dove la normativa che consente al vero crowd (cioè gli investitori non professionali) di investire online non è ancora stata attuata e dove solo ai c.d. investitori accreditati (fondi, investitori istituzionali e ricchi signori) è consentito l’accesso all’equity crowdfunding.

In Italia, primo Paese al mondo, la normativa sull’equity crowdfunding è pienamente attuata (anche se limitatamente alle start-up innovative), tre piattaforme hanno avviato le operazioni ed il primo deal è stato finanziato. Altre piattaforme si stanno organizzando ed altri progetti sono in rampa di lancio.
È verissimo che gli investimenti in equity sono rischiosi e che molte aziende falliscono, ma è altrettanto vero che il crowd spende molti soldi in progetti reward-based o donazioni o in acquisti di oggetti superflui, senza avere alcun ritorno. È altrettanto vero che ogni anno gli Italiani spendono 6,8 miliardi di euro nel gioco del lotto e 10,2 miliardi di euro nel “gratta e vinci”. Dare al crowd la possibilità di finanziare l’innovazione e di ottenerne, se del caso, un profitto rappresenta una grande democratizzazione e possiamo solo essere fieri che si tratti di una iniziativa di cui l’Italia è stata un precursore mondiale. Dopo il caso Oculus Rift, il finanziamento all’innovazione si sposterà sempre più dal reward all’equity crowdfunding; i sostenitori di un progetto cercheranno di potersi avvantaggiare del suo successo e l’innovazione sarà finanziata con maggior consapevolezza ed in modo etico.

Per poter dare veramente una lezione di democrazia finanziaria al mondo sarebbe opportuno che l’Italia incrementasse la protezione dell’investitore non professionale, consentendogli di finanziare non solo le start-up innovative, cioè le imprese più rischiose, ma anche le più comprensibili piccole e medie imprese ordinarie che stentano a reperire risorse finanziarie e che sono il vero motore della nostra economia. Un autorevole studio (Crowdfund Capital Advisors, How Does Crowdfunding Impact Job Creation, USA, 2014 — www.crowdfundingpr.files.wordpress.com/2014/01/how-does-crowdfunding-impact-job-creation-and-company-revenue.pdf)  ha dimostrato che un equity crowdfunding di successo aumenta le vendite del 351% e che in media l’87% delle aziende crea 2,2 posti di lavoro per azienda nei primi tre mesi.

Crowdfunding Reward-Based every Grafica Servizi every
Crowdfunding Reward-Based every Grafica Servizi every
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ti potrebbe interessare:
GESTIONE IMPRESE
L'Imprenditore

È imprenditore chi esercita professionalmente* un’attività *economica* organizzata* finalizzata alla produzione e ao di beni e servizi. Cosa vuol dire? 1*Professionalmente= attività abituale e NON occasionale 2*Attività= serie di «atti» finalizzati alla produzione di beni o servizi 3* Economica= deve creare RICCHEZZA, ovvero pro…
>>
GESTIONE IMPRESE
L'imprenditore agricolo

È colui che esercita le seguenti attività:   - Coltivazione del fondo - Selvicoltura (Nelle scienze forestalnbsp;selvicoltura (o silvicoltura) è la disciplina che studia l’impianto, la coltivazione e l’utilizzazione dei boschi). - Allevamento di animali - Attività commerciali connesse a quelle sovrastanti (qu…
>>
GESTIONE IMPRESE
L'imprenditore commerciale

Per l’art. 2195, è qualificato imprenditore commerciale chi svolge:   - Attività industriale volta alla produzione/o servizi - Attività intermediaria nelle circolazione dei beni (Es.: i commercianti all’ingrosso. L'attività di intermediazione, però, non deve spingersi fino alla trasformazione del prodotto). - Attività di …
>>
Crowdfunding Reward-Based every Grafica Servizi every
MARKETING
GESTIONE IMPRESE

 

branding & logo design

grafica 2D & 3D

siti internet

seo e social media marketing

software e programazione

fotografia & video

progettazione & design

stampa e servizi editoriali
 
Software Gestionale per Agenzia di Pubblicita a Salerno ADRepublic 328 967 0221 by Targnet.it v. b6.01 time: 2.99 size: 67833 visits: 1543146
Informativa Privacy
AdRepublic | Comunicazione Visivaadv, grafica, web, app
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Home
Portfolio
Dizionario
Adv blog
Branding
Grafica
Siti web
SEO
Software
Foto/Video
Design
Stampa
Chiama
Dove
Mail
Newsletter